Primi passi: l’arrivo dei caraibi nella nostra terra! – Le origini

Share This:

Primi passi: l’arrivo dei caraibi nella nostra terra – Le origini

– aneddoti, curiosità ed altro di come iniziò tutto in Romagna! –

Circa venti anni fa iniziò la storia dei balli latini in Romagna e Marche.
A mia memoria, anche se non sono stato uno dei primi appassionati, i locali percussori di questo ballo e che mantennero per diverso tempo un consenso di pubblico, furono il Savanas di Gabicce, il Bobo di Misano Adriatico ed il Lola, una sala del Rio Grande d’Igea Marina.

Come oggi, ad ogni stagione, operatori del settore creavano serate nei vecchi locali a volte in disuso o nei ristoranti, con sale costituite da tendoni che però normalmente duravano un anno o due.
In pratica gli inizi, a parte i locali che ho citato, la salsa si ballava nei peggiori locali di “caracas”! 😉

La voglia di ballare e divertirsi, però, era tanta che non importava il luogo ma la musica e la compagnia. Chiaramente l’espandersi degli estimatori di questo ballo, fece nascere scuole di ballo specifiche, che spesso erano avulse dai circuiti delle tradizionali scuole presenti sul territorio, principalmente vocate al liscio ed ai balli da sala tipici di questo luogo.
Nell’ambito di questo scenario, nacquero personaggi e aneddoti, che restarono famosi per un certo periodo.

Nei prossimi articoli parleremo di questi personaggi, degli anedotti e delle situazioni che hanno fatto la storia della salsa  in questo pezzo di Romagna e Marche, così in conflitto campanilistico tra loro ma così simili nella passione per questo ballo che contiene esibizionismo, abilità e soprattutto anima. El savor.

Per concludere questo articolo, mi permetto di ricordare una citazione di un grande artista come Woody Allen, che a mio parere esprime una delle emozioni della salsa “il ballo è un movimento verticale di un desiderio orizzontale”

agua y buena salsa a todo el mundo

lupogrigio


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *